Gli amici aborigeni Wadumbah Dance Group e anche il suonatore aborigeno Mark Atkins mi hanno detto: "Moreno continua a suonare il didjeridu senza nulla prendere dal nostro popolo, nessun ritmo, nessun nome, nessuna decorazione sacra... fai la tua musica e non fare competizioni con lo strumento!"

Io cerco di farlo con rispetto.

Ciao a tutti, ho scoperto il didjeridu nel dicembre del 1994 a Torino e in seguito ho imparato a suonarlo con una forte sensazione di solitudine e di isolamento per l'impossibilità di reperire informazioni o persone che mi indicassero come fare. La vera svolta successe qualche mese dopo mentre assistevo a una rappresentazione di un gruppo aborigeno dove il didjeridu accompagnava canti e danze tradizionali. Rapito dal suono dello strumento mi avvicinai al palco e rimasi per tutta la durata della rappresentazione a osservare la tecnica che il suonatore utilizzava. Non potevo immaginare cosa stesse succedendo: si stava instaurando in me l'embrione del mio nuovo vivere. Da quel momento il lavoro di pubblicitario, la mia agenzia, le consulenze presero via via la forma di un ricordo che sbiadisce col tempo. Tutto è avvenuto grazie a una guida interiore che mi ha condotto in questo fantastico mondo. Per me suonare il didjeridu non significa solo emettere dei suoni entro schemi ritmici, ma entrare in contatto anche con quegli aspetti miei più profondi che soltanto in momenti di particolare intensità riesco a raggiungere. Con il didje vado nei miei spazi interiori e attingo in modo intuitivo dall'infinita creatività che vi dimora. Il mio consiglio quindi è di imparare tecnicamente a suonare lo strumento e poi, quando si è disinvolti nella tecnica, abbandonarla per trovare la vera espressione personale. Il mio ringraziamento principale va innanzitutto al popolo aborigeno da cui proviene lo strumento. Il fatto che molti "bianchi" oggi suonino il didjeridu non è accolto felicemente da tutti gli aborigeni, ma è importantissimo distinguere chi riesce nella sua ricerca e ne fa un uso musicale senza nulla "prendere" dalla cultura originaria e sacra. Tra l'altro esistono strumenti simili suonati in più parti del mondo con modi e ispirazioni diversi. Suonate questo strumento se vi aggrada ma fatelo con il vostro bagaglio personale di spontaneità e musicalità.

se vuoi leggere la biografia clicca qui


Home | Aborigeni | Biografia | Spettacoli | Novità | MP3 | Musica | Libro | eBook | Canto Armonico | Massaggio Sonoro | Vibrart | Didjeridu | Strumenti | Eventi | Link | Contatti | MySpace | PicselMusic

 

didgeridoo, didjeridu, canto armonico, musicoterapia, massaggio sonoro, armonici, ebook, respirazione circolare.